Il caso Blurred Lines

Blurred_LinesMartedì scorso una giuria ha assegnato agli eredi di Marvin Gaye la somma di circa 7,4 milioni di dollari come risarcimento per il plagio che i cantanti Robin Thicke e Pharrell Williams avrebbero fatto con Blurred Lines, fra le grandi hit del 2013 e una nomination al Grammy Award. I figli di Gaye, Nona, Frankie e Marvin Gaye III avevano citato i due cantanti nello stesso anno di uscita del brano, che secondo loro era una copia di Got to Give It Up.

Howard King, difensore di Thicke e Williams, aveva concluso in aula dicendo che una decisione a favore degli eredi di Gaye avrebbe potuto avere un effetto rabbrividente per tutti i musicisti che cercano di emulare un’epoca o un suono di un altro artista.

Anche Larry Iser, avvocato che si occupa di proprietà intellettuale e ha rappresentato numerosi musicisti in casi di copyright, ha criticato il verdetto. “Purtroppo, il verdetto della giuria ha offuscato la distinzione (in inglese, has blurred the lines, ndt) tra elementi di una composizione musicale che possono essere protetti e quelli che non possono esserlo, come lo stile musicale o il groove. Anche se Marvin Gaye era il principe del soul, non possedeva certo un diritto d’autore su tutto il genere, e l’omaggio di Thicke e Williams a ciò che Gaye esprimeva con la sua musica non è una violazione del copyright”.

Pharrell Williams aveva detto ai giurati che la musica di Marvin Gaye era stata parte della colonna sonora della sua giovinezza, ma non l’aveva rubata per Blurred Lines. Tuttavia era anche emerso che Williams aveva firmato una dichiarazione attestante che non aveva utilizzato il lavoro altri artisti, e sarebbe stato responsabile in caso di  reclami per violazione di copyright.

I giurati hanno più volte ascoltato Blurred Lines e visionato frammenti del video musicale; tuttavia la giuria non ha ascoltato la registrazione di Got to Give It Up fatta da Gaye, ma piuttosto una versione ricreata basata esclusivamente su uno spartito musicale che il cantante aveva registrato per ottenere il copyright. 

L’esperto musicale chiamato da Richard Busch, difensore della famiglia Gaye, aveva trstimoniato come fossero ben otto elementi  di Got To Give It Up che sono stati utilizzati in Blurred Lines. Ovviamente, l’esperto chimato per Williams e Thicke ha negato che tali somiglianze vi fossero.

L’avvocato King ha preannunciato appello: “Lo dobbiamo a tutti gli autori di canzoni per cancellare questo verdetto; i miei clienti sanno di aver scritto Blurred Lines dai loro cuori, dalle loro anime e da nessuna altra fonte”.

Advertisements